Dott. Boris Ania

Vai ai contenuti

Menu principale:

La nostra società si trova in un momento di grande fermento e cambiamento.

Se da una parte le scoperte in campo medico e tecnologico ci stanno garantendo una maggiore aspettativa di vita, dall’altro la richiesta di salute, benessere ed equilibrio, sono sempre più preponderanti nell’esistenza di ognuno di noi.

In generale si è perso di vista l’integrità dell’essere umano e questo ha portato a una visione frammentata del corpo, come se questo fosse solo un aggregato di parti funzionanti in ambiti specifici diversi fra loro.

Nel nostro paese, secondo una recente indagine ISTAT, solo il 3/5 % della popolazione risulta essere affetta da una patologia clinica conclamata che necessità di cure farmacologiche e costante assistenza medica.

Il 70% della popolazione risulta non clinicamente malata
ma nemmeno del tutto sana. Molti di noi soffrono di un qualche sintomo normalmente classificato come di vaga origine. Il 20/25 % della popolazione può essere definita sana.

Ora se guardiamo i numeri impressionanti dei non sani/non malati ci rendiamo conto che questi rappresentano la proporzione maggiore della popolazione ma verso i quali, ahimè, la medicina istituzionale non può mettere in atto risposte adeguate.

Di solito, di fronte ad uno dei tanti disturbi, sia che si tratti di un mal di testa, sia che si tratti di un dolore articolare, ci viene prospettato l’uso di antinfiammatori ed antidolorifici.

In questi anni mi sono specializzato in tutte quelle tecniche che sono di maggior efficacia per ristabilire il prima possibile l'equilibrio del corpo e di conseguenza della salute.

 
Dott. Boris Ania - Cell. e WhatsApp: 331.2552135 - E-mail: aniaboris@gmail.com
Torna ai contenuti | Torna al menu